Mi chiamo Marilisa.

Questa è la mia Cucina Consapevole.

Qui c’è il racconto dei miei tentativi quotidiani per non finire frullata dal ritmo delle giornate infrasettimanali al cardiopalma e fare la cosa che mi piace di più:

cucinare e mangiare cose che mi fanno stare bene.

Non è un mistero che mangiare bene fa bene e nemmeno che per cucinare bene ci vuole tempo.

Esattamente quello che io non ho.

Così negli anni ho sviluppato tecniche di sopravvivenza utili che condivido qui, per cucinare e mangiare come ho imparato da quando la mia attenzione per l’alimentazione sana ha smesso di essere insalata in busta ed è diventata una passione.

La mia cucina è vegetale e stagionale quasi al 100%.

Di sicuro al 100%  è senza stress.

Perché non sempre riesco in tutti i miei buoni propositi, ma non ne faccio un dramma.

Scrivo ricette per persone impegnate.
Scrivo per tutti quelli che vorrebbero fare colazione con budino di acaj e meditazione, ma che come me è già tanto se la mattina riescono a non lasciare il computer dell’ufficio a casa.

Scrivo di consapevolezza per quello che cucino e per quello che sono: una che vorrebbe fare molto di più ma impara ad apprezzare quello che ogni giorno riesce ad ottenere.

In questo blog racconto anche delle mie personali sperimentazioni sul rapporto tra alimentazione e salute. Niente di più che diretta esperienza e riflessioni sugli studi di nutrizione, sempre notturni e compressi nei week end, che porto avanti alla Scuola Superiore di Naturopatia di Genova.

Due righe di ringraziamenti.

Grazie a Carlo, che mi ha spronato a riprendere in mano questo progetto e a mettere online il nuovo sito. Grazie per la pazienza che ha avuto nel rifare 300 volte il logo alle 11 di sera. Grazie per dirmi sempre quello che pensa e per farmi fare sempre meglio.

Grazie a Dave per il CSS modificato con la febbre.

Grazie in ultimo a Nicole, che è stata l’altra mamma di Cucina Consapevole nella sua prima versione e mi ha trasmesso la curiosità e la voglia di scoprire cosa succedere dopo che si manda giù il boccone. Grazie per tutte le cene preparate senza preavviso e per quello smootie alla pera che ricordo ancora adesso. (Qui  c’è una pagina dedicata a come è nata la prima versione di Cucina Consapevole.)

Start typing and press Enter to search