fbpx

Ricetta per cracker fatti in casa

Con questa ricetta per cracker voglio dire dire basta all’emarginazione di quelli che non sono capaci (o non hanno tempo) di fare il pane.

Il mondo è affollato di panificatori, prolifici allevatori di pasta madre orgogliosi dell’occhiatura delle loro pagnotte lievitate alte come palazzine di 3 piani.

Tutto quello che esce dal mio forno ha la lievitazione di un frisbee e mi sento esclusa.

Ho deciso che era l’ora di rivendicare il mio momento di gloria e sfoggiare anche io un invidiabile panificato di cui poter andare fiera, che desse lustro a questo blog dove non c’è l’ombra di un impasto e aiutasse quelli come me, a cui non lievita mai niente, a trasformare un difetto in un pregio.

Il cracker è la risposta. Ecco quindi la mia migliore ricetta per come fare cracker fatti in casa, friabili, sfiziosini e veloci, perchè come sempre il tempo è poco.

Qui trovi tutte le istruzioni spiegate nel dettaglio, passaggio per passaggio, per preparare la mia ricetta per i cracker.

Un grande appuntone che da tempo ci tenevo a fare.

Le dosi delle mie ricette spesso sono espresse con unità di misura non precise, quantità empiriche. So che qualcuno potrebbe essere colto dall’ansia davanti a questo sistema che usa spesso le tazze, i pizzichi, i quanto basta. Il mio approccio non è ortodosso ma ci tengo a dire che sviluppa il senso delle proporzioni e l’intuito in cucina, oltre che il problem solving nel caso in cui ci si sia distratti.

Ricetta per Cracker

Dosi (per 20 cracker)

  • 2 tazze di farina integrale*
  • ½ bustina di lievito in polvere per pizza o torte salate
  • ½ tazza d’acqua tiepida (non mi chiedere perchè ma funziona meglio)
  • 2 pizzichi di sale
  • 1 pizzico di bicarbonato
  • 1/2 tazza di piccoli semi oleosi (semi di lino, semi di girasole)
  • olio extravergine d’oliva q.b.
  • spezie a scelta per aromatizzare (paprika, origano, curcuma…)

Cosa ti serve:

  • 1 contenitore con i bordi alti
  • 1 mattarello
  • 1 placca da forno
  • 1 coltello con una grossa lama
  • Carta da forno

Come preparare l’impasto:

Aggiungi tutti gli ingredienti secchi in un recipiente dai bordi alti, insieme ai semi di lino o di girasole.

Se hai deciso di aromatizzare i tuoi cracker con una spezie o con un ingrediente particolare (io per esempio in quelli della foto ho usato origano e paprika) aggiungilo adesso insieme agli ingredienti secchi.

Perchè aggiungere i semi direttamente nell’impasto? Nella mia esperienza un ingrediente che “spezza” i legami dell’impasto aiuta a non ottenere l’effetto suola di scarpa anche se hai sbagliato completamente la lievitazione e la cottura.

Aggiungi poco alla volta l’acqua mescolando con una forchetta e poi con le mani fino ad ottenere una pasta morbida ed elastica. Aggiungi un cucchiaino di olio, impasta ancora una volta velocemente e lascia riposare per almeno 20 minuti.

Dopo che hai usato questi 20 minuti nella maniera più produttiva, lavora ancora una volta l’impasto con le mani e “rompi” la lievitatura. In questo modo dentro l’impasto si formeranno delle bollicine di aria più piccole e risulterà più friabile una volta cotto.

Dividi l’impasto in tre palline più piccole e inizia a lavorarle una per volta.

Prendi un foglio di carta da forno e spolveralo con un poco di farina.

Appiattisci una delle palline di pasta con le mani e poi stendila sulla carta da forno.

Spolvera l’impasto con ancora poca farina e appoggiavi sopra un altro foglio di carta da forno.

Prendi il mattarello e inizia a stendere la pasta, facendo attenzione che la carta da forno rimanga ben tirata. L’obiettivo è riuscire ad ottenere lo spessore più sottile possibile per la tua sfoglia di pasta.

L’ideale sarebbe riuscire ad ottenere uno spessore di 3 mm, ma dipende da che semi hai aggiunto all’impasto (quelli di girasole sono più grossi e si fa più fatica a stendere la pasta).

Quando pensi che più sottile di così non si possa, stacca con attenzione il foglio superiore di carta da forno dalla sfoglia.

Usando un coltello dalla lama grossa, ricava dei quadrati di 5 o 6 cm, facendo attenzione mentre tagli l’impasto che i bordi si stacchino bene in modo che quando lieviteranno in forno durante la cottura non si uniscano.

Con i rebbi di una forchetta “punzecchia” i tuoi futuri cracker.

Trasferisci la sfoglia sulla placca da forno e inforna a 200 gradi in forno già caldo.

Fai cuocere per 10 minuti e poi, facendo attenzione a non bruciarti, stacca i cracker dal foglio di carta da forno e finisci la cottura per 1 / 2 minuti.

Sforna e lascia raffreddare.

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search